Convegno:
"Europa, disabili, tecnologie e mondo del lavoro."

 

Claudia Montedoro - Coordinatrice

Ringraziamo la direttrice del GOCI per questa puntuale relazione del progetto GOAL anche se molto tecnica, per cui inviterei poi anche il successivo relatore Roberto Campi, responsabile dell’inserimento lavorativo dell’Asphi e partner del progetto GOAL di eventualmente anche chiarire alcuni aspetti estremamente tecnici. Ad esempio si fa riferimento a dei programmi nella relazione di Wendy Ranschaert la cui conoscenza viene data per scontata per cui chiederei appunto a Campi di eventualmente chiarire queste conoscenze implicite. Grazie ancora.


Roberto Campi - ASPHI

Progetto "GOAL"


Buon giorno, sono Roberto Campi di Asphi e come è già stato detto partecipo al progetto GOAL che è appena stato presentato per la sua parte che riguarda il modello formativo. Ricordiamoci per comprendere il tutto che il progetto GOAL è costituito da tre parti: dal modello formativo, dal modello di teleformazione e dal modello delle attività condotte dal Job coach. 

Ogni modello è supportato da uno strumento informatico. Nella realtà, in parallelo alle attività di formazione che potete immaginare in azione e supportate da POSO, lo strumento che avete appena visto, c’è l’attività del Job coach. Il Job coach va considerato come una figura della mediazione, con lo scopo di favorire una sempre più completa integrazione delle persone con diverse disabilità nel mondo del lavoro. Il Job coach lavora proprio attraverso una serie di azioni che possono essere quelle del favorire dei momenti di incontro che possono essere quelli di attivare stage formativi, stage pre-lavorativi, stage o momenti ormai già preparatori all’inserimento definito, ma anche di assistenza alle persone quando queste sono già inserite in azienda o comunque in attività lavorative perché sappiamo quanto sia importante la corretta integrazione nelle attività e nell’azienda. Il Job coach ha come supporto in GOAL lo strumento JOCO che adesso vado rapidamente a presentarvi cercando di essere il meno tecnico possibile e facendovi soprattutto vedere quale è la funzione di questo strumento di supporto. 

Il sistema è costituito fondamentalmente da tre parti: una parte che ci consente di acquisire, registrare e utilizzare le informazioni relative alle persone, persone che possono essere persone-in formazione e allora probabilmente saranno seguite dal sistema che avete appena visto, ma persone che possono già essere formate e quindi sono semplicemente in attesa della ricerca del posto di lavoro. Ci sono gruppi di informazioni che possono essere o prelevate dal sistema POSO, o qui direttamente inserite, categorie di informazioni che vanno da quelle di tipo generale, anagrafico o di definizione delle caratteristiche della persona, fino a quelle che più ci interesseranno per individuare quali saranno le persone adatte a soddisfare certe richieste aziendali oppure, viceversa, certe aspettative professionali delle persone. Inoltre c’è un’area dedicata agli ausili necessari a seconda delle diverse esigenze e una parte dedicata invece a quelle che sono le competenze professionali. Queste competenze professionali possono essere inserite dopo un colloquio con le persone e sono o possono essere dedotte da informazioni che vengono dal sistema che avete appena visto POSO, quando le persone durante il loro percorso formativo hanno acquisito le competenze opportune. 

Le competenze professionali si esplicitano poi in modo molto più dettagliato in tutta una serie di caratteristiche che tengono anche conto dei vincoli e delle potenzialità della persona che stiamo in questo momento considerando. Ci sono una serie di caratteristiche che vanno dalle abilità fisiche che vedete poi esplicitate in dettaglio in un’altra parte del sistema per ognuna delle quali è possibile indicare una valutazione che può essere significativa del grado, del livello in cui quella caratteristica si trova ad essere presente o meno, e se si trova a costituire un vincolo oppure una potenzialità. Ad esempio questa persona che vedete indicata sullo schermo in blu presenta tre competenze: come addetto all’infocenter, come programmatore e anche come responsabilità di un centro EDP. Altre figure presenti invece hanno la capacità di svolgere solo alcune di queste funzioni oppure altre diverse. Una volta che questa base di informazioni è disponibile possiamo inserire, visualizzare e modificare le informazioni che riguardano le aziende, ricordandoci sempre che anche in questo caso il sistema è solo di supporto alla attività del Job coach. 

La vera attività sarà proprio quella di entrare in contatto con le aziende, di conoscere sempre di più la situazione del mercato del lavoro locale, regionale o ancora più ampio. Le informazioni sono divise in categorie. Il sistema è stato progettato per essere utilizzato a livello europeo per cui ci sono alcune informazioni che possono interessare alcuni ma non tutti i paesi. Le professioni richieste da una azienda sono corredate dalle caratteristiche specifiche richieste alle quali corrispondono certe abilità che sono state individuate e valutate con il responsabile richiedente, in genere il responsabile del personale che avrà valutato. 

Concludo accennando ad un’altra funzione del sistema, che è poi quella se volete più significativa che ci consente di considerare contemporaneamente le caratteristiche delle persone e le richieste delle aziende. Dopo avere individuato le aziende che richiedono certe professionalità si presenta l’elenco delle persone proponibili. E’ sempre possibile escludere o includere altre persone a discrezione del Job coach e poi ci viene indicata la corrispondenza delle richieste: cioè se esiste una o più persone che rispondono a tutte le caratteristiche e i vincoli richiesti. I parametri di confronto sono indicati anche graficamente con l’indicazione del grado di competenze. Per le persone scelte è possibile avere a disposizione tutte le informazioni immediatamente. 

Questo sistema ha altre funzioni che è possibile vedere presso Asphi. Il sistema presentato è in fase prototipale, sarà presto disponibile nella versione definitiva.

 

Ritona a
Progetti ed Atti  '97

Ritorna ad
elenco relatori

Relatore
successivo