Convegno:
"Tecnologie, apprendimenti, handicap:
se, come e quando utilizzare l’informatica"

 

Elviana Amati - Progetto Marconi Provv.to Bologna

"La metodologia della Ricerca-Azione: un impegnativo e stimolante percorso di crescita professionale"


Dall'esperienza pluriennale della "Ricerca-Azione su SW didattico per alunni disabili", realizzata da numerose Scuole ed Istituti della provincia di Bologna, si possono trarre molteplici spunti di riflessione sulle caratteristiche del modello di lavoro utilizzato, per valutarne le condizioni di riproducibilità, le tappe più significative e gli elementi strutturali che hanno consentito di svilupparlo nel tempo con esiti positivi.
Numerosi sono infatti i fattori che hanno determinato il successo della Ricerca-Azione condotta nell'arco di alcuni anni, tra questi, alcuni a carattere generale altri di tipo più specifico.
Tutti sono stati importanti, a partire dal clima diffuso nel Territorio, di accoglienza e d'interesse per i problemi dei disabili, dall'attenzione specifica e dall'impulso del Provveditorato agli Studi di Bologna per una efficace integrazione scolastica dei disabili e per l'introduzione e lo sviluppo delle nuove tecnologie nella Scuola. Sono stati determinanti anche la volontà e la capacità di Enti, Istituzioni ed Associazioni di collaborare per il raggiungimento di obiettivi comuni ( Provveditorato agli Studi di Bologna; Progetto Marconi; Comune di Bologna: Settore Istruzione e Sport- Laboratorio di Documentazione e Formazione - CUF; Azienda USL Città di Bologna: Servizio Ausilioteca, Centro Regionale per le disabilità linguistiche e cognitive in età evolutiva; ASPHI: Associazione per lo Sviluppo di Progetti Informatici per gli Handicappati); l'elevato livello di competenze diverse e complementari degli operatori impegnati nella strutturazione del progetto, nella elaborazione dei materiali di supporto e nella realizzazione della formazione e delle verifiche dell'attività; la particolare ricchezza di risorse a livello scolastico presente nella Scuola Bolognese, sia in termini di dotazioni informatiche, sia di competenze informatiche per la presenza nella provincia di Bologna di un vero e proprio Centro di Risorse Territoriale rappresentato dagli operatori tecnologici e da tutto lo staff del Progetto Marconi (progetto di qualificazione delle scuole della provincia di Bologna).
Elemento portante ed insostituibile è stata la notevole disponibilità ad un forte impegno personale e professionale di tutti gli operatori del gruppo interistituzionale di progetto e dei docenti impegnati a scuola nella Ricerca-Azione che, con elevato e assiduo interesse, hanno partecipato al percorso pluriennale di formazione, sperimentazione e documentazione.
Lo strumento utilizzato per la formazione, la Ricerca-Azione, ha assunto particolare rilevanza, perché ha coinvolto attivamente i docenti in un percorso di qualificazione professionale in cui sono stati protagonisti della loro stessa formazione, con un contributo personale alla sperimentazione di percorsi didattici, alla elaborazione, verifica e produzione di materiali e di esperienze riproducibili. La Ricerca-Azione si è rivelata anche un'attività in grado di agevolare la crescita di atteggiamenti di maggiore disponibilità alla riflessione sul proprio operato, al confronto, alla richiesta d'aiuto, al riconoscimento della necessità di professionalità specifiche, anche esterne al mondo della scuola per la soluzione di problemi particolarmente complessi, quali quelli affrontati.
Nella Ricerca-Azione il "sapere" individuale del docente, si coniuga infatti ed entra in relazione diretta con altri "saperi", specifici, altre professionalità, e con modelli teorici, producendo un innalzamento globale della qualificazione dei sistemi interagenti (Scuola, Università, AUSL, Enti, Associazioni, etc.), legata proprio all'interscambio di competenze, all'interattività delle situazioni tra gli operatori coinvolti nella formazione, al lavoro su comuni obiettivi secondo modalità e mentalità operative diverse.

 

Ritorna a
Convegni ed Atti '98
Ritorna ad
elenco relatori
Relatore
successivo