Seminario
SE QUESTO È POCO …
esperienze d'uso di strumenti informatici con handicap mentale adulto

 

Michele Sartori - Coop. "Filo Continuo" , Pescantina (VR)

"GRUPPO HANDICAP & COMPUTER  e progetto F.I.D.O."


Contenuto

  1. Gruppo di lavoro "Handicap & Computer

  2. Gruppo nato l’anno scorso su iniziativa della coop. Soc."I Piosi" e sostenuto fin da subito dalla coop. Soc. "Filo Continuo" e altre, che ha portato ad iniziare un confronto tra e varie realtà presenti nel territorio dell’ULSS 22 di Verona in ordine all’uso del computer con persone affette da handicap mentale.

  3. L’esperienza de l progetto "F.I.D.O." – Formazione Informatica Operatori Disabili:

Progetto pilota realizzato con la collaborazione dell’associazione A.G.I.RE e autofinanziato dalle cooperative: "I Piosi" di Sommacampagna, "Filo Continuo" di Pescantina e "La Scintilla" di Isola della Scala, (tutte in provincia di Verona).

L’équipe di lavoro è formata da varie persone fra cui docenti e consulenti esterni, operatori delle stesse cooperative.

Il sito Internet (in costruzione) è attualmente www.fido.homepage.com

Il mio intervento vuole riprendere quello del mio collega Daniele Montresor, soprattutto per quanto riguarda la prima parte della sua relazione. Vado di seguito a presentarvi quello che, attualmente all’interno del territorio dell’A.S.L. 22 di Verona, alcune Cooperative stanno realizzando. Da circa un anno, diversi operatori che considerano il personal computer un valido ausilio educativo, stanno cercando di mobilitare diverse risorse per accreditare e promuovere l’attività di informatica. Ci rendiamo conto rispetto ad altre realtà italiane, che stiamo solamente adesso movendo i primi passi e che ci aspetta ancora diverso lavoro per trovare modalità e metodi adeguati.

Da diversi anni infatti si sta strutturando in alcuni Centri diurni il laboratorio di computer, che è entrato nella nostra realtà come in altre in modo talvolta casuale, e per svariati motivi: dalle richieste avanzate dai genitori, nel momento in cui il proprio figlio veniva inserito nella struttura, per facilitarne l’ingresso e per dare una continuità ad una passione coltivata in casa o con gli amici; all’arrivo di ragazzi dai centri di formazione professionali, che richiedevano la possibilità di proseguire con quanto appreso; all’iniziativa di alcuni operatori, e per altri motivi ancora, che derivano dal sempre maggiore contatto tra la persona diversamente abile e l’ausilio informatico. Grazie all’esperienza condivisa anche da altri Centri, ci si è trovati a dare significato ed importanza ad un’attività nuova; un campo che all’interno della disabilità sta cominciando solamente negli ultimi anni ad avere uno sviluppo e a suscitare un certo interesse anche da parte delle Istituzioni. Di fatto si è rivelata un’attività dai diversi significati e dalle insperate risorse.

Per iniziativa della Coop. Soc. "I Piosi" si è cercato di contattare tutti quei centri dove era presente l’interesse per l’attività di computer e da circa un anno si è formato un gruppo denominato "Handicap & Computer". Il gruppo offre la possibilità di confronto e di scambio di esperienze strumenti e modalità operative che altrimenti andrebbero perse, inoltre consente di individuare problematiche comuni e di attivare nuove risorse.

La partecipazione agli incontri in un primo periodo ha permesso di conoscere le diverse esperienze presenti nei Centri dove già si faceva attività con il computer, avendo la possibilità di verificarne le finalità e gli obiettivi. I Centri dove non è presente questa attività hanno potuto rendersi conto di quello che attualmente viene fatto e hanno manifestato il loro interesse e le loro motivazioni per iniziare questa esperienza. Si è riusciti a raccogliere in un fascicolo le diverse esperienze, schematizzando su una griglia i vari interventi dei centri e mettendo in evidenza le voci simili e quelle diverse.

Nel corso del tempo è emersa la problematica della mancanza di formazione degli operatori riguardo alla materia e la necessità di attivare dei corsi per una prima alfabetizzazione informatica. Si è voluto focalizzare l’attenzione verso alcune realtà dove esisteva l’interesse all’attività, ma mancavano sia i mezzi, che la conoscenza per iniziare. Come prima iniziativa abbiamo attuato un’indagine tra i vari Centri al fine di conoscere quali operatori fossero interessati ad un primo corso di alfabetizzazione per l’utilizzo del personal computer. Abbiamo somministrato dei questionari dove si informavano i vari operatori delle Cooperative dell’esistenza del gruppo "Handicap e Computer" e chiedevamo chi fosse interessato ad un corso di formazione sull’uso di ausili informatici nelle attività didattiche, educative ed occupazionali nei centri per disabili. Nello stesso questionario chiedevamo anche quali contenuti potevano essere più utili e di interesse per il corsista, a quale metodologia era più interessato, l’orario, la frequenza e la sede preferita. Il questionario ha avuto una buona risposta e il 90% ha mostrato interesse per un corso che potesse dare delle informazioni ed esercitazioni di base sul pc, indicando una metodologia che permettesse lo scambio tra operatori che già operano sul campo ed esercitazioni pratiche. Si è ottenuto un risultato molto significativo e importante soprattutto per l’interesse dimostrato. Come seconda iniziativa, si è provveduto alla stesura di una lettera, per il recupero di materiale informatico, distribuita alle diverse aziende del territorio per reperire dei personal computer per i centri che ne erano sprovvisti. Per questo particolare problema si sono cercate risorse esterne dato il costo del materiale informatico e degli ausili, non sostenibile attualmente da diverse Cooperative.

Riporto in fine, la volontà del gruppo di illustrare il progetto "handicap e computer" alle diverse Istituzioni che si curano dell’handicap presenti sul territorio, per averne un riconoscimento e anche un sostegno.

Ho presentato le proposte e le azioni più significative del gruppo in quest’anno, mi preme evidenziare la volontà e la capacità di trovare e reperire risorse da parte delle persone coinvolte nel progetto e alla sinergia di intenti che si è creata. SI è riusciti inoltre a creare diversi collegamenti con le diverse realtà e le istituzioni.

Sempre durante quest’anno sono state valutate anche diverse proposte e collaborazioni con altri enti. Soprattutto le Cooperative dove già era presente l’attività di computer, hanno posto l’interesse per una maggiore formazione degli operatori. Si è ribadito il fatto di considerare il computer come uno strumento educativo e l’importanza di saperlo usare maggiormente per dare una risposta educativa adeguata all’utenza. Ecco quindi che la Cooperativa Sociale "Filo Continuo", la Cooperativa Sociale di solidarietà "i Piosi" e Cooperativa Sociale "la Scintilla" hanno autofinanziato un progetto pilota denominato "Formazione Informatica Disabili E Operatori", in collaborazione con l’associazione culturale A.g.i.re, con esperti di informatica ed esperti nei processi educativi e formativi. Il progetto ha avuto inizio quest’anno e ne prevediamo la conclusione nel prossimo, gli obiettivi che si pone sono:

  • La conoscenza e l’acquisizione di tecniche di base per l’utilizzo di alcuni sofware (non tanto la conoscenza generale del software ma il know-how adeguato per uno scopo operativo);

  • l’apprendimento di abilità richieste per utilizzare alcuni software e alcuni programmi di elaborazione grafica;

  • il rafforzamento delle competenze professionali, sia in ambito educativo che di software, degli operatori affinché si affianchino in modo maggiormente professionale ai soggetti diversamente abili nell’uso del personal computer.

La metodologia che si è voluto adottare si articola nel progetto in due percorsi paralleli:

Percorso per gli operatori

Percorso per i soggetti d.a.

  1. Conoscenze generali in modo da raggiungere un minimo livello di competenza di base;

  2. Conoscenze specifiche per il raggiungimento degli obiettivi del secondo livello (Scanner, Fotocamera digitale, Word, OCR, Internet);

  3. Utilizzo di software per la creazione di pagine Web (es.: Word 2000) o per l'elaborazione di un prodotto grafico editoriale;

  1. Alfabetizzazione informatica (accensione/spegnimento del pc, utilizzo mouse, tastiera, stampante, primi rudimenti di videoscrittura, disegno);

  2. Utilizzo di software per l'elaborazione dei testi e delle immagini (Scanner, Fotocamera digitale, Word, OCR, Internet);

  3. Utilizzo di software per la creazione di pagine Web (ad es. per ideare il sito della Cooperativa) e/o la creazione di un prodotto grafico-editoriale (ad es. per il giornalino della Cooperativa)

Il percorso per i soggetti disabili viene condotto dagli stessi operatori formatisi nei moduli per loro ideati, con la supervisione degli esperti secondo modalità concordate.

E’ stata costituita una équipe con i partecipanti al progetto e cui spetta il compito di:

  • definire i contenuti e le metodologie didattico-formative;

  • organizzare, programmare e coordinare l’attività formativa rivolta agli operatori, concordando tempi e modalità con loro;

  • in collaborazione con gli operatori definire per ciascun soggetto disabili uno specifico progetto personalizzato, coerente con quello generale già esistente, indicando le modalità didattiche ritenute più idonee;

  • fornire consulenza diretta agli operatori per lo svolgimento delle loro attività;

  • individuare eventuali correttivi e modifiche da apportare al lavoro svolto dagli operatori e al progetto;

  • individuare gli strumenti di monitoraggio, di valutazione e di verifica dell’andamento del progetto;

  • mantenere aggiornati i responsabili della cooperativa sull’andamento del progetto, concordando incontri periodici di verifica.

Il progetto diviso in tre livelli adesso sta entrando nel secondo, avendo portato a buon fine gli obiettivi del primo. Mi sembra doveroso concludere esprimendo la soddisfazione per quello che finora è stato realizzato. Vediamo un’attività, per alcuni versi già strutturata in alcune realtà, che acquista nuovi significati e una maggiore motivazione da parte delle persone che ne usufruiscono.

Grazie

 

Ritorna a
Convegni ed Atti 2000
Ritorna ad
elenco relatori
Relatore
successivo