Giovedì 26/11/2004 - COMUNICATO STAMPA N.7 

Logo ASPHI

SI E' CONCLUSA OGGI A BOLOGNA 
HANDImatica 2004 

 

Si è svolta a Bologna, dal 25 al 27 novembre, HANDImatica 2004, la mostra-convegno organizzata da Fondazione ASPHI onlus (Avviamento e Sviluppo di Progetti Informatici per ridurre l’Handicap mediante l’Informatica), che da 25 anni è un preciso riferimento nell'ambito delle tecnologie informatiche per l'integrazione dei disabili. 

HANDImatica è un evento biennale che interessa un numero crescente di persone. In attesa dei dati finali 2004, ricordiamo che, nel 2002, ci sono stati oltre 6000 visitatori e nell’edizione 2000 circa 5000. 

La possibilità di seguire i principali convegni direttamente da casa in tempo reale, collegandosi al sito www.handimatica.it, ha ulteriormente allargato il numero delle persone raggiunte da questa iniziativa.

Grande l'interesse anche da parte degli organi di informazione: in particolare il sito internet disabili.com ha seguito interamente l'evento. 

Radio SNJ, la prima webradio italiana, ha seguito interamente la terza giornata della mostra convegno con servizi in diretta, interviste e riprese di alcuni convegni.

UN BILANCIO PROVVISORIO

Cresce, di edizione in edizione, il numero degli stand in area espositiva, 48 nella mostra appena conclusa. In generale, si è riscontrato in molti prodotti innovativi la volontà di semplificare le macchine per renderle sempre più utilizzabili da utenti come, ad esempio, le persone anziane, che hanno poca familiarità con il PC.

Macchine facili da usare, quindi, e tecnologia informatica applicata alle cose semplici per semplificare le attività della persona disabile nella vita di ogni giorno, accanto a sistemi potenti, come ad esempio WAT di IBM, software in grado di adattare la pagina web alle diverse esigenze delle persone disabili.

Per quanto riguarda la parte convegnistica, 47 gli incontri sui temi più diversi. Particolare interesse hanno suscitato soprattutto i convegni su argomenti specifici (la dislessia, l’autismo, l’accessibilità…), sempre incentrati su esperienze concrete e esempi reali.

GLI EVENTI DI OGGI

"Conoscere il passato per progettare il futuro" è il titolo del convegno che, attraverso testimonianze e interventi di partner "storici", ha ripercorso la storia di ASPHI, da associazione a Fondazione, sottolineando il suo ruolo di modificare atteggiamenti, eliminare ostacoli e barriere e creare una mentalità nuova per l’integrazione dei disabili. Interessanti le testimonianze di alcuni ex allievi dei corsi ASPHI e quelle di Mario Barbuto, direttore dell’Istituto Cavazza, Massimo Carnet della Fondazione Don Carlo Gnocchi e di Adele Messieri della Fondazione Gualandi a favore dei Sordi. 

L’Assessore Regionale Mariangela Bastico ha avviato una riflessione sul ruolo che assumono le politiche, gli orientamenti istituzionali e il contributo degli Enti. Infine la Fondazione IBM Italia ha presentato la proposta di effettuare insieme ad ASPHI una ricerca scientifica in tema di disabilità, seguendo il percorso di lavoro e di vita di circa 600 persone disabili che, negli anni passati, sono stati in contatto con ASPHI, in quanto ex allievi di corsi professionali, collaboratori o altro. 

Altri argomenti trattati negli incontri della giornata: transizione formazione-lavoro per i disabili e relative politiche, esperienze e valutazioni in un workshop organizzato dalla Regione Emilia Romagna; l'informazione sugli ausili, il diritto a comunicare, il percorso scuola-lavoro per gli studenti sordi.

Di autismo e dislessia si è parlato in due incontri nell’ambito della scuola. 

Nel primo caso si è trattato di un incontro per condividere le esperienze d'uso delle tecnologie informatiche nei percorsi educativi, valutando se e come utilizzare computer e software, a partire dai bisogni della persona artistica. Per quanto riguarda la dislessia l’informatica, ha affermato il prof. Giacomo Stella dell'Università di Urbino, presenta alcuni oggettivi vantaggi, ad esempio la stabilità delle condizioni di somministrazione, la multimedialità, la dinamicità delle presentazioni, la precisione nella misurazione delle risposte. 

DA VEDERE E PROVARE

HANDImatica ha rappresentato un'occasione per approfondire, presso lo stand di ASPHI, molti dei progetti della Fondazione.

Quest'anno lo stand era organizzato per aree di interesse, nelle quali veniva seguito il percorso di vita della persona disabile, dalla scuola materna alla tarda maturità. In pratica, 4 aree dedicate alle diverse disabilità (vista, udito, motricità, mentale-cognitiva) più una per le attività e i servizi "trasversali", cioè comuni ai diversi tipi di disabilità (formazione, lavoro, valutazione ausili, accessibilità, ecc.). A ciò si aggiunge un'area "museo", esterna allo stand, con esposti ausili dei primi anni in cui le persone disabili hanno iniziato ad utilizzare l’informatica.

Tra i servizi presenti HANDImatica, ricordiamo: l'allestimento di un'edicola, dove è stato distribuito gratuitamente materiale informativo sulla disabilità, la disponibilità di mappe in rilievo per i non vedenti, le visite guidate per persone non udenti con l'aiuto di interpreti LIS, le letture ad alta voce di testi nel foyer Europa da parte di donatori di voce e molto altro ancora. Tutto ciò ha reso la partecipazione alla mostra-convegno ancora più gradevole e interessante. 

Handimatica dà appuntamento al 2006. A breve sarà possibile avere le registrazioni dei convegni dell'edizione 2004. L'appuntamento è a giugno 2005, per celebrare i 25 anni di attività di ASPHI.

 

Per informazioni:

Anna Giordano, responsabile ASPHI di Handimatica
Tel. 051.277831 – Fax 051.224116
E-mail: handimatica@asphi.it 
Sito Internet: www.handimatica.it

Ufficio stampa: Barbara Gulminelli 
Tel. 347 9643088
E-mail: bgulminelli.asphi@attglobal.net

 

Bologna, 27/11/2004


< Ritorna a Comunicati del 27/11/2004